Il depliant

Sospetto Celiachia?

10 consigli per affrontare correttamente il percorso di diagnosi

  1. Se sospetti di avere la celiachia, NON provare a eliminare il glutine prima di eseguire tutti gli accertamenti necessari. Tale comportamento potrebbe falsare l’esito delgi esami e ritardare la diagnosi.
  2. Rivolgiti al tuo medico per spiegare ESATTAMENTE sintomi e condizioni di salute
  3. Se hai un famigliare celiaco o una malattia autoimmune, riferiscilo al medico.
  4. In commercio esistono test rapidi per la diagnosi di celiachia. Se decidessi di eseguirne uno, non considerarlo risolutivo. Rivolgiti SEMPRE al tuo medico sia in caso di esito positivo sia negativo: i sintomi potrebbero essere causati da altre malattie.
  5. In Lombardia OGNI presidio giornaliero è abilitato alla diagnosi di celiachia.
  6. La diagnosi di celiachia inizia con l’esecuzione di esami del sangue per la ricerca di anticorpi specifici e prosegue, in caso di positività, con l’esecuzione della biopsia intestinale. Ricorda: questi esami vanno eseguiti a DIETA LIBERA contenente glutine.
  7. Una diagnosi certa di celiachia si ha solamente a seguito dell’esecuzione della BIOPSIA intestinale per l’adulto. Per i bambini e adolescenti possono esserci delle eccezioni.
  8. Il test genetico NON va sempre eseguito. Chiedi al tuo medico quali sono le giuste condizioni.
  9. Se sei stato diagnosticato celiaco, chiedi al tuo medico quali sono i diritti in campo di assistenza sanitaria.
  10. Per qualsiasi dubbio, necessità o assistenza CONTATTA AIC Lombardia Onlus. Saprà essere un valido sostegno.

Scarica il depliant