Castagne

Le castagne, frutto naturalmente senza glutine, erano soprannominate nell’antichità “cereali che crescono sugli alberi” perché particolarmente ricche in carboidrati complessi. Per questo motivo, all’interno di un pasto, possono essere considerate un’alternativa ai cereali più che un frutto.

Proprietà nutrizionali

Contengono un discreto quantitativo digrassi, proteine, sali minerali (soprattutto potassio, magnesio , ferro) e vitamine.

L’alto contenuto di fibre (13,8 g per 100 g di castagne secche) e di amidi complessi le rende molto sazianti: sono quindi un ottimo spuntino di metà mattina o metà pomeriggio.

Tutte queste caratteristiche, unite all’ottima digeribilità, se ben cotte, rendono la castagna un alimento ideale anche per gli sportivi.

C’è chi le consuma crude: in questo modo sono decisamente più difficili da digerire e il gusto e la consistenza non sono sempre graditi.

Le castagne non contengono colesterolo e hanno un indice glicemico medio-alto, anche se più basso rispetto alla farina bianca o al riso brillato e analogo a quello della farina integrale.

Sono considerate utili in caso di anemia , stanchezza psicofisica, grazie al loro elevato apporto calorico, e in gravidanza, in virtù del loro apporto di acido folico che previene malformazioni fetali.

Castagne

Castagne secche

Farina di castagne

Energia (kcal)

165

287

326

Proteine (g)

2,9

6,0

6,1

Grassi (g)

1,7

3,4

3,7

Carboidrati (g)

36,7

62,0

71,6

Zuccheri (g)

8,9

16,1

27,5

Fibre (g)

4,7

13,8

10,9

Ferro (mg)

0,9

1,9

3,2

Potassio (mg)

395

738

847

Folati totali (µg)

62

110

215

Fonte: Banca Dati IEO http://www.bda-ieo.it/

Consigli d’acquisto

All’acquisto, la buccia deve presentarsi integra e lucida, senza spaccature. Al tatto una castagna fresca appare soda e il suo guscio non cede se premuto con le dita.

Usi in cucina

Per quanto riguarda gli usi delle castagne in cucina, la fan da padrone le caldarroste, preparate grazie ad un caminetto a legna o ad una brace. In mancanza di questi, si possono fare in padella oppure al forno, avendo sempre cura di inciderle nel mezzo, longitudinalmente.

Dalle castagne essiccate si ricava poi la farina di castagne, che viene utilizzata per la preparazione del tradizionale castagnaccio, da arricchire con uvetta e pinoli. Attenzione ad acquistare una farina “senza glutine” per un castagnaccio o dei dolci adatti anche ai celiaci, come torte e biscotti.


Con le castagne si possono preparare anche delle ottime zuppe. Ad esempio, potrete arrostire le castagne e aggiungerle alla vostra vellutata di zucca o nel passato di legumi. Con le castagne lessate si può preparare invece una purea utile per farcire le verdure ripiene.